Speck Alto Adige IGP di Pfitscher

Top 11 Eccellenza Italiana

Un panorama scolpito nella roccia e forgiato, esattamente come l’uomo, dal tempo. Il tempo atmosferico, climatico, duro e dolce dell’Alto Adige ma anche il tempo diacronico, quello della storia, passato di mano in mano nella staffetta delle generazioni e considerato, nella migliore delle ipotesi, una forma di evoluzione. Questa è, vista dall’alto, la storia di una metzgerei di nome Pfitscher e, come capita spesso nelle storie degli uomini, di un sogno che risponde al nome anagrafico di Gottfried e della sua ferrea volontà, nel 1980, di aprire un laboratorio omonimo nel cuore di Merano il cui principio base rispondesse a un unico imperativo, lo stesso rimasto invariato, a ben vedere, ancora oggi: produrre uno speck tradizionale dove aroma e sapore fossero sodali nel rimandare alla montagna intesa come filosofia e come stile di vita. Da quel 2 giugno 1980 molte cose sono cambiate ma, allo stesso tempo, tutto è rimasto lo stesso. E a dispetto della nuove e più grandi sedi in cui negli anni s’è insediata la produzione l’identità aziendale, che è un’identità familiare, è stata preservata attraverso l’avvicendamento delle generazioni e precisamente con l’ingresso in azienda di Lukas, figlio di Gottfried che, pur nella continuità e finanche nell’identità col proprio passato, l’ha arricchita di nuovi valori come la sostenibilità perseguita mediante scelte come quella del fotovoltaico e della riduzione degli imballaggi prima ancora che queste tematiche diventassero necessità di carattere politico e nazionale. Ma non solo. Perché nel DNA aziendale alberga la necessità di dare al consumatore contemporaneo una ragione oggettiva e inalienabile: ovvero la percezione di una valore aggiunto, semplicissimo, che si identifica nel concetto di “qualità” e così evidente da fare del prodotto finito, lo Speck e i salumi e insaccati a marchio Pfitscher, degli oggetti alto artigianato e, dunque, di incontrovertibile e riconoscibile valore, anche in combinazione fine dining: nella fattispecie, con la polenta grigliata con pesto di arachidi e Speck Alto Adige IGP Pfitscher dei Fratelli Cerea.

Crediti Lido Vannucchi

Pfitscher: https://www.pfitscher.info/it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *